Asili nido – Prima infanzia

serate a tema psicologo asilo

Negli ultimi anni la figura dello psicologo interno agli asili nido ha acquisito sempre più importanza. Se da un lato appare strano, o almeno poco appropriato, che lo psicologo possa lavorare a diretto contatto con bambini della fascia da 0 a 3 anni, dall’altro le esigenze del personale educativo e degli stessi genitori ha reso sempre più necessario il supporto fornito da questa figura professionale.

Lo psicologo in queste strutture infatti non lavora a diretto contatto con i bambini, ma offre un supporto esterno in grado di elaborare strategie utili ed efficaci per la gestione di situazioni in cui i genitori o il personale mostrino qualche tipo di difficoltà.

Lo psicologo all’interno degli asili nido è utile per informare, dare sostegno, mediare e supportare tutte quelle figure che ruotano intorno al bambino e che hanno il compito di educarlo, accudirlo e crescerlo nel migliore dei modi possibile.

Di seguito le proposte che metto in pratica all’interno gli asili nido che scelgono di offrire questo valore aggiunto.

PER I GENITORI

INCONTRI A TEMA

Si tratta di incontri rivolti ai genitori, svolti principalmente in orario serale, che vertono sui principali temi che possono creare difficoltà all’interno della struttura educativa o a casa. La gestione dei capricci, dei disturbi del sonno, dell’ansia di separazione, sono solo alcuni esempi dei temi trattati in questi incontri.

Questi i titoli dei principali incontri proposti (è possibile richiedere serate anche su altre tematiche):

SPORTELLO EDUCAZIONE DIGITALE

Lo sportello di educazione digitale diventa un indispensabile momento di confronto personalizzato su un tema che sta assumendo sempre più rilevanza per i nostri figli. L’utilizzo delle nuove tecnologie e degli schermi digitali è sempre più precoce e i genitori spesso non sono preparati ad accompagnare adeguatamente i figli, sin dalla tenera età, in questo percorso ampio e tortuoso. Il genitore ha quindi bisogno di un’assistenza continua e di essere a sua volta guidato per navigare in sicurezza assieme ai figli nel mare di internet.

Svolto in due periodi differenti dell’anno educativo, lo sportello educazione digitale fornisce anche la possibilità di verificare e valutare insieme i progressi ottenuti e i risultati raggiunti.

SPORTELLO GENITORI-FIGLI

Lo sportello di consulenza per i genitori si pone come un momento di condivisione e confronto riguardo il rapporto genitori-figli. A volte lo stile educativo della coppia genitoriale, la comunicazione e il dialogo con i bambini, o i differenti comportamenti all’interno del sistema “famiglia” (intendendo quindi tutte le figure che si occupano in qualche misura del bambino) possono portare a incomprensioni, comportamenti inadeguati, o anche solo a incertezze su come impostare il rapporto con i figli. Lo sportello di consulenza può fornire un valido aiuto in questa direzione, fornendo delle indicazioni specifiche “a misura di bambino”.

Svolto in due periodi differenti dell’anno educativo, lo sportello per genitori fornisce anche la possibilità di verificare e valutare insieme i progressi ottenuti e i risultati raggiunti.

PER IL PERSONALE EDUCATIVO

FORMAZIONE

La formazione per il personale educativo si pone nell’ottica di fornire uno strumento specifico per le esigenze richieste dalla struttura educativa. Grazie all’elaborazione di uno o più incontri sul tema concordato, la formazione garantisce che gli obiettivi educativi vengano costantemente perseguiti, in modo da favorire una costante crescita delle competenze dell’equipe.

La formazione, insieme alla supervisione, offre la possibilità di analizzare, decostruire e rielaborare le proprie esperienze lavorative con il costante supporto di una figura esterna di riferimento, in grado di fornire punti di vista alternativi e linee guida da a cui far riferimento nella gestione delle difficoltà incontrate nella struttura educativa.

SUPERVISIONE

La supervisione d’equipe è uno strumento psicologico in cui la centralità dell’intervento non è principalmente (o solamente) l’utente finale, nel nostro caso il bambino; si tratta di un lavoro di gruppo in cui viene posto l’accento sull’educatore e sull’equipe di lavoro, attraverso un processo di formazione continua specifica per i problemi presentati.

La supervisione per il personale educativo si pone nell’ottica di ottenere un continuo sviluppo e perfezionamento dei servizi offerti dalla struttura. Il miglioramento della qualità del lavoro delle educatrici, la prevenzione del burn-out, uniti all’importanza di un punto di vista esterno e di una professionalità differente, seppur affine a quella educativa, sono tutti obiettivi e finalità che vengono affrontati all’interno di una supervisione di equipe.

Se sei titolare o dirigente di un asilo nido e vuoi fornire un servizio che fa la differenza, contattami qui.

shares